AdE-Riscossione: Accordo per l’erogazione del “contributo welfare”

 



Firmato il 29/9/2020 tra AGENZIA DELLE ENTRATE – RISCOSSIONE e gli Organi di coordinamento delle RSA delle OO.SS. FABI, FIRST-CISL, FISAC-CGIL e UILCA assistite dalle rispettive Segreterie Nazionali, l’accordo per l’erogazione del “contributo welfare” per l’anno 2020


In accordo con quanto previsto negli accordi di settore, anche per il corrente esercizio verrà erogato il “contributo welfare”.
Il contributo, sarà corrisposto egli aventi diritto sulla base del requisito (status di figlio “a carico”) esistente all’atto della erogazione e in quanto tale verificato dall’Ente. Qualora, in occasione delle verifiche di fine anno sulle detrazioni, il soggetto dovesse risultare non più nei carichi fiscali del lavoratore/lavoratrice, la medesima somma verrà interamente recuperata.
Gli importi individuali e sotto riportati, sono stati determinati utilizzando gli algoritmi di calcolo (c.d. “simulatore welfare”), già utilizzati per i precedenti esercizi 2014, 2015, 2016, 2017, 2018 e 2019, verranno corrisposti applicando le agevolazioni fiscali previste dalla vigente normativa (TUIR art. 51, comma 2, lett. f bis), ove le causali di attribuzione dello stesso rientrino in tali previsioni.
L’erogazione delle somme in argomento verrà effettuata con le prime competenze utili.


















fascia di età

Importi in euro

da 0 a 5 170,00
da 6 a 10 79,00
da 11 a 13 121,00
da 14 a 18 182,00
da 19 a 25 303,00


Le Parti si danno reciprocamente atto che il montante di Premio originariamente concordato è stato decurtato delle somme corrisposte, in aggiunta a quelle eventualmente spettanti per l’anno 2020, ai dipendenti che avevano presentato istanze per i nuovi nati/nuovi ingressi nei nuclei familiari successivamente alla chiusura dei termini di presentazione delle istanze relative all’anno di competenza 2019.
Per gli eventi (nascita/ingresso nel nucleo familiare di figlio adottato/affido di un minore per almeno un anno) che dovessero verificarsi successivamente alla data delle suddette erogazioni, le Parti confermano che saranno corrisposte per detti eventi le medesime cifre oggetto di liquidazione per l’anno 2020. Detti importi saranno, come previsto dai vigenti accordi, detratti dal montante erogabile per l’anno 2021.