Covip: nuove regole in materia di trasparenza e raccolta delle adesioni

 


Pubblicati in GU, le “Istruzioni di vigilanza in materia di trasparenza” per i fondi pensione ed il Regolamento sulle modalità di adesione alle forme pensionistiche complementari. Si tratta di un ulteriore importante tassello per il completo recepimento nel nostro ordinamento delle disposizioni della Direttiva europea IORP II, nell’ottica del rafforzamento del sistema della previdenza complementare, oltre che sotto il profilo della governance al quale sono state maggiormente indirizzate le iniziative realizzate nei mesi scorsi dalla COVIP, anche per quanto attiene al rapporto con i potenziali aderenti e gli iscritti (Delibere 22 dicembre 2021).


Per quanto attiene alla trasparenza, l’ordinamento nazionale della previdenza complementare già risulta notevolmente avanzato e in linea con le migliori pratiche internazionali, pertanto le novità legislative introdotte per il recepimento della Direttiva IORP II sono di portata abbastanza limitata. Tuttavia, la COVIP ha ritenuto importante cogliere l’occasione per realizzare una complessiva attività di revisione di tutte le proprie diposizioni in materia di trasparenza. Il lavoro è stato realizzato avendo presente l’esigenza di dare concretezza ai principi di carattere generale contenuti nella normativa primaria, al fine di assicurare l’accuratezza, la tempestività, la chiarezza e la facilità di reperimento delle informazioni da parte di tutti i soggetti interessati all’adesione alla previdenza complementare o già iscritti a forme pensionistiche.
Nell’ottica, dunque, di offrire agli operatori del settore uno strumento di regolazione utile per la realizzazione dei predetti obiettivi, la COVIP, in sede di aggiornamento e revisione delle vigenti disposizioni, ha operato il riordino dell’intera disciplina (oggi contenuta in una pluralità di testi) in un unico documento (“Istruzioni di vigilanza in materia di trasparenza”), sottoposto come di consueto a pubblica consultazione, che sostituisce tutte le precedenti disposizioni dettate dall’Autorità in materia di trasparenza.
In particolare, per quanto attiene alla Nota informativa per i potenziali aderenti, i contenuti sono stati ridotti e semplificati anche in termini di linguaggio utilizzato.
Come di consueto, la COVIP, al fine di facilitare l’attività degli operatori, ha diffuso, in uno con il testo delle Istruzioni, schemi e modelli esemplificativi che possono costituire un utile strumento di lavoro. Attenzione è stata dedicata, anche con alcuni elementi innovativi, alle disposizioni sui Siti web e sull’utilizzo delle tecnologie informatiche per semplificare e rendere più efficace la gestione dei rapporti con gli aderenti, nonché favorire la diffusione di documenti e informazioni utili.
Infine, l’adozione delle Istruzioni in materia di trasparenza ha reso necessario aggiornare anche il Regolamento COVIP sulle modalità di raccolta delle adesioni per esigenze di coordinamento e per tenere conto delle novità apportate alla disciplina in materia di collocamento dei fondi pensione.
L’entrata in vigore delle nuove disposizioni è stata fissata, in linea generale, al 1° maggio 2021. Al fine di consentire agli operatori del settore di predisporre la nuova documentazione in tempi congrui, si è ritenuto opportuno prevedere, in fase di prima applicazione, uno slittamento dei termini per gli adempimenti più rilevanti da porre in essere: il termine per il deposito presso la COVIP della Nota informativa aggiornata con la quale raccogliere le nuove adesioni e per la trasmissione agli iscritti del Prospetto delle prestazioni pensionistiche in fase di accumulo è stato quindi spostato dal 31 marzo al 31 maggio 2021.